Insieme

Foto Dario Costantino

Mercoledì scorso si è dato una risposta. Non la risposta, ma una delle possibili.

Veniamo da anni di pandemia: appena abbiamo visto la luce in fondo al tunnel cosa ci è piombato addosso? Una guerra. Vera, in barba a quelli che dicevano che il covid è peggio di un conflitto.

Tutto il brutto che l’uomo può fare è sotto i nostri occhi. Questo porta sdegno, sgomento e…potrei andare avanti per pagine intere. Ma fondamentalmente ha alimentato la sfiducia verso il prossimo e il conseguente isolazionismo.

Mercoledì scorso eravamo tutti insieme. Rappresentanti delle istituzioni religiose, delle istituzioni locali, delle istituzioni sociali, giovani, meno giovani…insieme. Ecco la risposta: insieme. E lo si respirava.

Forse, oggi è anche di questo che abbiamo bisogno.

Forse, mettendo tutti quanti le mani in pasta, lavorando, sporcandoci, riusciamo a dimostrare il lato bello dell’animo umano.

Alla fine della serata mi sono seduto in disparte a guardare i componenti delle squadre a festeggiare. Vedere il Vescovo girare tra i tavoli con la maglietta dell’arbitro di serie A, beh, come si dice, tanta roba.

Poi mi sono chiesto. Ma domani sarà tutto dimenticato? Mentre me lo domandavo due ragazzini sono venuti a ringraziarmi. In testa ho riformulato la domanda…Ne è valsa la pena? Risposta: sì.

Precedente

le mani in pasta

Successivo

Compagni e compagne di cammino

  1. Lidia

    Si, ne è valsa la pena e ne varrà sempre la pena se anche solo una persona si accorgerà che è stato fatto qualcosa per gli altri , che non ci chiudiamo nel nostro orticello a coltivare solo per noi ciò che è nostro, se ci mettiamo in gioco spogliandoci delle nostre sovrastrutture, fronzoli, armature. Dobbiamo ritrovare tutti un po’ di umiltà per ritornare ad essere più umani.
    Ancora grazie per la bella serata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Powered by WordPress & Theme by Anders Norén